Berlino, al centro dell’ Europa

Se siete appassionati di storia non potete perdervi uno spettacolare weekend a Berlino, la capitale dai mille volti, dove antichità e modernità si incontrano trasportandovi indietro nel tempo fino agli anni 40.

COSA VEDERE

Per il primo giorno non può mancare una visita allo straordinario zoo più grande della Germania e giardino zoologico con la maggiore varietà di specie animali al mondoSe siete appassionati di storia non potete perdervi uno spettacolare weekend a Berlino, la capitale dai mille volti, dove antichità e modernità si incontrano trasportandovi indietro nel tempo fino agli anni 40. Per il primo giorno non può mancare una visita allo straordinario zoo più grande della Germania e giardino zoologico con la maggiore varietà di specie animali al mondo, contando quasi 1500 specie diverse. Facile da raggiungere grazie alla fermata di vari autobus e treni regionali situata a poche centinaia di metri dall’entrata principale.

Per proseguire il tour consigliamo una passeggiata per il viale Kurfurstendamm, in passato ruolo simbolico di grande importanza per la Germania ovest, oggi sede di divertimenti, locali e magazzini lussuosi, dove avrete l’imbarazzo della scelta per gustare qualcosa di tipico ed acquistare qualche souvenir. Sede anche dell’Hard Rock Cafè di Berlino e di tantissimi hotel storici della città. Per il secondo giorno consigliamo di trascorrere l’intera giornata al centro della città, dove vi perderete tra monumenti ed edifici che hanno fatto nel bene e nel male la storia della capitale germanica. Partendo dal memoriale dell’Olocausto, un sito composto da 2711 stele di pietra dedicate agli ebrei vittime in Europa.

Proseguendo più avanti vi troverete davanti alla maestosa Porta di Brandeburgo, monumento principale e simbolo della città, costruita in segno di pace più di due secoli fa. Attraversata la porta vi troverete davanti al viale Unter den Linden, dove camminando per oltre 5 km potrete osservare a destra e a sinistra gran parte degli edifici governativi e rappresentativi della città, come il Duomo e il Municipio, oltre alla storica Università di Berlino. Il viale conduce fino alla famosissima Alexanderplatz, dalla quale si può osservare l’ergersi della Fernsehturm, la torre della televisione, il cui accesso vi trasporterà con un rapido ascensore in 40 secondi fino all’ultimo piano situato a 203 metri di altezza. Lì potrete godere da oltre 50 finestre del panorama dell’intera città a 360 gradi. Terminata la visita al centro della città è possibile arrivare in meno di 20 minuti fino all’imponente Reichstag, sede attuale del Parlamento, e visitarne la cupola gratuitamente, previa prenotazione di un biglietto online o sul posto.

Non resta altro che il terzo giorno, che potrete dedicare alla visita del famoso muro di Berlino, o almeno di ciò che resta. La famosa East Side Gallery, quasi un km e mezzo di strada che costeggia il tracciato più lungo rimasto del muro dalla sua costruzione, interamente dipinto con graffiti da diversi artisti rappresentanti il tema della pace o comunque della fine della guerra. Dopo aver gustato un tipico kebab in zona potrete arrivare con la metro a Potsdamer Platz ed entro poche centinaia di metri raggiungere a piedi il Checkpoint Charlie, un importante posto di blocco, in passato confine tra le due Germanie. Inoltre, e sempre gratuitamente, troverete il sito storico Topographie des Terrors, un museo all’aperto che mostra immagini originali dell’epoca nazionalsocialista.

Ultima tappa ma non meno importante, per appassionati di calcio e sport in generale, l’Olympiastadion di Berlino, situato appena fuori dal centro cittadino ma facilmente raggiungibile con la U-Bahn. Sede di importanti eventi sportivi, tra cui la finale del campionato del mondo 2006 che vide trionfare la nazionale azzurra, lo staff propone un tour dettagliato all’interno della galleria e del museo che si trova all’interno della struttura. Oltre a gran parte delle strutture visitabili per strada all’aperto e soprattutto gratuitamente, non consigliamo altro che perdervi per i viali alberati della città per ammirare molti edifici nella loro costruzione originale rimasti intatti persino dopo i bombardamenti della seconda guerra mondiale, ed immaginare tutto il terrore vissuto in quel periodo da questa popolazione che nonostante tutto ha saputo andare avanti e ricominciare da zero per rendere Berlino l’imperdibile e straordinaria città che è proprio come la vediamo oggi, e come la vedrete voi.

COME MUOVERSI A BERLINO

Il sistema dei trasporti pubblici di Berlino si basa su un sistema integrato tra Bus, Metro (chiamata U-Bahn), i treni di superfice (S-Bahn) e i battelli su fiumi e canali, di cui la città è piena. Il sistema dei trasporti pubblici divide la città in tre fasce: A, il centro storico; B, che arriva in periferia e C, che include le cittadine nei dintorni. Si possono acquistare biglietti per le singole zone o biglietti combinati per le zone AB, BC o ABC. I biglietti possono essere acqustati presso i distributori automatici o i punti vendita presenti in tutte le stazioni. L’orario dei mezzi pubblici diurni parte alle 4.30 del mattino e si ferma alle 0.30 di notte, quando iniziano a circolare i mezzi notturni. La singola corsa nella zona A, quella in cui rientrano gran parte dei monumenti di interesse, costa 2,10 Euro. Il ticket valido un giorno, per le zona A e B, costa .5,80€ . Dopo la metro, i tram sono il mezzo più comodo e capillare per raggiungere tutte le parti della città. I tram sono numerati da 12 a 68, hanno colore giallo e ognuno ha a bordo la macchinetta per comprare i biglietti. La metro di Berlino (U-Bahn) è formata da 9 linee che coprono 170 stazioni e trasportano ogni giorno 1 milione di persone. A queste bisogna aggiungere le 15 linee della S-Bahn, la metro di superfice. E’ il modo migliore per muoversi in città. Le linee indicate con la U sono quelle della Metro che circola interrata; le linee della metro in superfice sono indicate con la S. I monumenti più importanti di Berlino sono sparsi su un territorio molto ampio, quindi conoscere bene la rete metropolitana è fondamentale per visitare la città. A Berlino ci sono circa 150 linee pomeridiane e 54 linee notturne. Si tratta di una rete molto capillare, efficiente ed integrata con il sistema delle metropolitane, con cui condivide molte fermate e stazioni.

Dall’aeroporto al centro città:

Gli aeroporti operativi sono due: quello di Schönefeld, situato nella zona sud-est della città e l’aeroporto di Tegel che si trova a nord-ovest. Entrambi sono molto ben collegati per arrivare al centro di Berlino dall’aeroporto.

DA SCHÖNEFELD: esiste un servizio ferroviario dedicato, chiamato Airport Express, che è collegato con il centro in soli 28 minuti. Il treno Airport Express RE7 e il Regionale RB14 partono ogni 30 minuti e fermano nelle principali stazioni cittadine. Una terza alternativa è il regionale RB19, con frequenza oraria. Sempre dalla stazione situata in aeroporto, parte la S-Bahn, una linea metropolitana di superficie, con collegamenti ogni dieci minuti. In alternativa, si può scegliere l’autobus. La linea 171, il cui capolinea è visibile appena si mette piedi fuori dal terminal B dell’aeroporto, conduce nel cuore della città.

DA TEGEL: Gli autobus che portano in centro sono numerosi e ben collegati con il resto dei mezzi pubblici. Esiste il Bus Express TXL, con capolinea Alexander Platz, che passa per la stazione

centrale. Molto simile è la linea X9 che incrocia la linea metropolitana U7. Il Bus 128 collega con diverse linee metropolitane in zona ovest. La linea 109, simile nel tragitto all’X9, fornisce un collegamento con la linea della metro U7 e con le linee S-Bahn S41 e S42.

COSA MANGIARE A BERLINO

La cucina berlinese rispecchia perfettamente l’anima della città: i piatti tradizionali tedeschi e quelli derivanti dall’influenza di altre popolazioni convivono in armonia nella gastronomia locale. Ci sono davvero tantissimi locali dove mangiare a Berlino, sia ristoranti che banchi dello street food (Imbiss in tedesco), e in questo articolo vorrei consigliartene qualcuno che ho provato durante il mio soggiorno in città. L’ingrediente più presente nei piatti tedeschi è senza dubbio la carne. Il cibo simbolo di Berlino è il currywurst: si tratta di una salsiccia grigliata (o bollita) tagliata a fettine e accompagnata da una gustosa salsa a base di concentrato di pomodoro o ketchup e una spolverata di curry. Il döner kebab, invece, è una tipologia di kebab diffusissima a Berlino grazie all’influenza della popolazione turca. Viene servito in numerosissimi chioschi e si può scegliere tra la versione a base di carne e quella vegetariana. Un’altra pietanza presente nella carta di ogni ristorante è lo stinco di maiale (Eisbein in tedesco), bollito oppure arrosto, servito con patate lesse e crauti. Non è raro trovare anche le polpette di carne. Un piatto che non può di certo mancare è la celeberrima schnitzel, una fetta di carne di maiale (o più raramente di vitello) impanata e fritta. I contorni più diffusi sono le patate, che cucinano in qualsiasi modo, i crauti e i funghi. Tra i dolci più famosi troviamo il berliner, ovvero il krapfen o bombolone, fatto di pasta lievitata fritta e successivamente riempito con marmellata o altre farce e spolverizzato con lo zucchero a velo.

VITA NOTTURNA A BERLINO

La vita notturna di Berlino gode di una fama leggendaria: nei clubs berlinesi vengono sviluppati continuamente nuovi trend musicali e di qualsiasi genere, con preferenze per quanto riguarda la musica elettronica e techno, e la maggior parte delle discoteche sono aperte tutti i giorni della settimana. Grazie all’assenza di un orario di chiusura obbligatorio, i bars a Berlino non chiudono prima delle 5 di mattina, mentre le discoteche fanno spesso festa fino a mezzogiorno! Inoltre, i prezzi sono accessibili: normalmente per entrare in discoteca si paga dai 5 ai 10 euro, senza consumazione inclusa, oppure 15 euro per i clubs più famosi. Anche spostarsi per la città non è troppo caro: il taxi costa meno di 20 euro e i trasporti pubblici di Berlino funzionano tutta la notte durante il fine settimana. Nella Berlino Ovest sono situati i locali notturni più classici ed eleganti, mentre nella parte est ci sono i clubs alternativi con musica dal vivo di ogni genere, dal jazz, al soul, fino al rock e al blues. E’ facile notare grande differenza che c’è tra la zona Est e Ovest di Berlino: questa distanza, creata da anni di guerra fredda, rimane evidente anche nella vita notturna della città. Un’altra particolarità di Berlino sono i suoi cocktail bars (“Kneipe”) dei quali, quelli più di tendenza sono situati nella zona Est, mentre a Ovest generalmente ci sono quelli più eleganti. Per rimanere aggiornati sugli eventi di Berlino, è possibile consultare l’EX Berliner, un mensile in lingua inglese, acquistabile nelle edicole e negli uffici turistici, dedicato agli eventi culturali e al divertimento notturno della città.


AUTORE ARTICOLO

salvatore v.

Napoletano di origini, ma da più di un anno in Germania per nuove esperienze di vita, caratterizzato fin dall’adolescenza da una innata voglia di conoscere nuovi posti e nuove lingue. Da qualche tempo il suo obiettivo è diventare assistente di volo, così da unire passione e lavoro.


 

Please follow and like us:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

6 − due =

Follow by Email
Facebook
Facebook
YouTube
Instagram