default

Le esperienze autentiche in Sardegna sono a portata di mano

A meno di 50 minuti dall’aeroporto di Cagliari-Elmas un piccolo paese ti farà gustare una Sardegna autentica, lontana dal caos e dal turismo di massa. Orroli, borgo autentico d’Italia è pronto ad accoglierti. Al centro della Sardegna, ad solo un’ora d’auto dalle più ambite spiagge sarde.

Nel cuore del Sarcidano, tra due laghi, Mulargia e Flumendosa, potrai dare inizio alla tua esperienza turistica d’eccellenza. Blue zone, paese d’accoglienza di tanti centenari, rimarca la qualità di vita. Le esperienze non mancano ad Orroli, partendo dall’artigianato locale, per arrivare all’enogastronomia, dall’archeologia fino alla pesca sportiva catch e release del Black Bass al lago Mulargia.

I soggiorni brevi ma particolarmente intensi, sono adatti a chi cerca serenità e tranquillità per una fuga d’amore arricchita da passeggiate all’interno del centro storico, caratterizzato da selciati e luci ambrate che rievocano tutto il fascino di un borgo medievale.

Un intero week-end permette di visitare in lungo e in largo questo paesino e lasciarsi guidare alla scoperta di questo fantastico borgo. Noi abbiamo scelto un B&B di charme, un antico granaio chiamato Sa Pardina, restaurato nel pieno rispetto delle tradizioni e con tanto entusiasmo abbiamo scoperto abbiano utilizzato solo materiali autoctoni. Potete scegliere il loro servizio di navetta da e per l’aeroporto, oppure basterà percorrere la ss 131 fino allo svincolo per Monastir e successivamente imboccare la sp 128. In ogni caso assisterete a dei panorami mozzafiato.

Vi accorgerete immediatamente di aver fatto la scelta giusta.

All’arrivo troverete Paolo il gestore del B&B sa Pardina di Orroli, che vi accoglierà e vi presenterà il paese, pronto a mettervi a vostro agio e consegnandovi la chiave della vostra camera. Avrete l’imbarazzo della scelta a Orroli. Tra gli artigiani troverete Alessandro Dessì, giovanissimo coltellinaio che ha riesumato le vecchie forme della tradizione. Nicolino Sirigu, xilografo, che incide su lastre di olivastro con abilità e precisione, per poi successivamente imprimerle su carta inchiostrando e annullando la matrice.

Il panificio Kentos che porta avanti la tradizione e panifica in maniera artigianale su grossa scala, utilizzando solamente grano proveniente dal sarcidano, grano senatore capelli, lasciato lievitare con un lievito madre che ha origine pensate oltre 300 anni fa. Questo pane è immancabile nel tavolo delle colazioni del B&B Sa Pardina.

Non da meno è l’esperienza enoturistica offerta dall’azienda agricola Schirru che riesce a creare etichette autentiche, pronte a raccontarti i profumi della nostra terra. Ceramiche, apicoltura, maestri casari, anziani che sapientemente intrecciano i giunchi per dar vita ai famosi cestini. Patrizia con il suo telaio crea tappeti, Massimo che con le pelli si è aggiudicato l’appellativo dello stilista dei mammutones.

Il Nuraghe Arrubiu, è una tappa obbligata per chi visIta Orroli, un bellissimo pentalobato ancora in fase di scavi, si aggiudica il soprannome di gigante rosso, dato dal colore rossastro delle pietre basaltiche, infatti arrubiu, in lingua sarda significa rosso. Un nuraghe, ricco di mistero e di storia che la cooperativa is janas potrà raccontarti con entusiasmo e semplicità in tutte le lingue.

Non lontano il villaggio nuragico su Putzu” , conta ben 108 capanne, vi offrirà L’incanto di un pozzo sacro. Il parco su motti invece ospita una quindicina di Domus de janas, conosciute come casa delle fate, ma effettivamente sono caverne funerarie scavate nella roccia oltre 5000 anni fa.

Immancabili le visite ai laghi, dove potrai scegliere addirittura se vivere esperienze di spinning con nomi internazionali del Bass Fishing come Luca Quintavalla. Insomma manca ancora tanto di quello che potrai visitare in questo piccolo paese del Sarcidano. Non dimenticatevi di chiedervi e farvi raccontare questo da Paolo del B&B sa Pardina di Orroli, sarà pronto a farvi vivere tutto ciò. E se siete così curiosi chiedete a lui perché è così orgoglioso di questa struttura chiamata Sa Pardina, perché sa Pardina non è solo un B&B, Sa Pardina è una storia che vive da oltre 100 anni.


AUTORE ARTICOLO

Paolo S.

Mi presento sono Paolo Schirru. Gestisco questa struttura da ormai tanti anni, e mi occupo di ospitalità. Non vendo camere, ci tengo a precisarlo ma offro emozioni su un territorio ricco di storia e tradizioni, di cultura e di enogastrnomia. Il B&B ha origini tantissimi anni fa, ed il nome Sa Pardina è l’elogio alla storia che ha origine nei primi del 900. Sa Pardina in lingua Sarda significa Madrina di battesimo. Fu stato donato a mio nonno Paolo dalla sua madrina di battesimo Rosa Orrù. Successivamente, mio nonno decise di donarlo a sua figlia, che battezzò me. Rosa, mia madrina, mi ha affidato questo importantissimo compito che con orgoglio e passione è diventato parte integrante delle mie giornate. Riscoprire e valorizzare il passato diventa la chiave per proiettarci in un futuro migliore.


 

Please follow and like us:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

diciassette − 6 =

Follow by Email
Facebook
Facebook
YouTube
Instagram